Data: 18 Giugno 2019 dalle ore 15.30 alle ore 19.30 (registrazione Partecipanti dalle ore 15.15 alle ore 15.30)

Luogo: Sala Lettura Biblioteca Medica – Ospedale di Busto Arsizio Via A. da Brescia n. 1 – 21052 BUSTO ARSIZIO (VA)

depliant-18-giugno-sito

PREMESSA
Ad oggi, la patologia oncologica rappresenta una delle malattie organiche
con la più ampia diffusione nel mondo occidentale e una
delle principali cause di morte nella popolazione generale.
La medicina moderna è in continua lotta nella gestione di questa
malattia: aumentando la propria forza attraverso la ricerca e il
progresso scientifico-tecnologico ha permesso di ampliare le possibilità
di sopravvivenza e di migliore la qualità della vita da parte
del malato.Il cancro si pone come un evento tra i più traumatici e
stressanti con il quale chi ne è colpito deve confrontarsi, determinando
conseguenze evidenti per la persona malata, in quanto comporta
l’emergere di forti tematiche di malattia, minaccia e morte e
interferisce su tutte le dimensioni (fisica, psicologica, spirituale,
esistenziale e relazionale) che caratterizzano l’essere umano. Dati
epidemiologici a livello inter-nazionale (American Cancer Society,
2014; AIRTUM, 2014; Grassi, 2014) dimostrano che non solo l’incidenza
del cancro è in aumento ma che esso, grazie al progresso
medico, sta subendo un processo di cronicizzazione, diventando
una patologia con la quale si convive a lungo e comportando quindi
la possibilità di ripercussioni a lungo termine a livello psico-fisico.
La morbilità psichica specifica (quali disturbi d’ansia, disturbi depressivi,
disturbi dell’adattamento, disturbi della sessualità) e, in
generale, la sofferenza emotiva riguardano almeno il 40% delle
persone in qualunque fase di malattia. Il carico emotivo che comporta
tale malattia si riversa non solo sul paziente ma anche sui familiari
e sull’equipe curante. Infatti, lavorare in ambito oncologico
risulta particolarmente impegnativo, dato il continuo confronto
con la patologia, la persona che ne è colpita e i familiari. Tutto ciò
può riflettersi nella relazione d’aiuto, determinando quindi una
maggiore difficoltà nella comunicazione e nelle relazioni che si instaurano
tra il personale sanitario e il paziente [fattore di rischio
sindrome di burnout].
La Società Italiana di Psico-Oncologia (SIPO) evidenzia la necessità
di fornire formazione e supporto agli operatori sanitari che si
trovano a contatto con condizioni di forte impatto emotivo.
OBIETTIVI:

  • Introdurre i principi teorici di base della Psiconcologia.
  • Favorire una migliore comunicazione empatica tra
    medico/infermiere e paziente.
  • Migliorare la relazione con i familiari e il caregiver.
  • Sviluppare una condivisione di presa in carico con l’equipe.
  • Prevenire il burnout.

Scheda di iscrizione on line

Compilando il presente modulo viene generata la scheda di registrazione, che attesta automaticamente la partecipazione all’evento, la scheda pre compilata on line verrà poi firmata al momento registrazione.